Cosa vuol dire creatività organizzata?

Nel mio lavoro, queste due parole che sembrano cozzare tra di loro, devono andare a braccetto.

Punto.

Non posso svegliarmi una mattina in preda all’ispirazione e decidere che le tue prossime mosse saranno pubblicizzare una gallina viola per il tuo negozio di parrucchiere, solo perché una grande idea creativa che nessuno ha ancora utilizzato.

Ecco. Se qualcun’ altro non lo ha utilizzato potrebbe esserci un motivo molto semplice. Non funziona. Diffida da chi ha l’ idea dell’anno.

Spesso e volentieri, non lo è.

Una situazione di stallo imbarazzante non serve a te e non serve a nessuno che stia semplicemente cercando un tuo servizio o prodotto.

Per ovviare a questo, la creatività organizzata entra in gioco facendo chiarezza: Creativo perché il modo in cui si fa brain storming o problem solving diventa un processo sempre diverso ed innovativo. Organizzato perchè tutto quello che viene elaborato, va schematizzato e strutturato secondo esigenza. Per essere efficaci, bisogna sempre tenersi aggiornati, studiare ed informarsi. A volte il successo di un progetto prende ispirazione da quello che circonda, che ha giá avuto successo, di cui la gente parla, senza essere una maratona di scopiazzamenti folle. A copiare si fa solo brutta figura.

Pianificare sempre rispettando la mission ed il target a cui ci si rivolge, permette la vera libertà creativa che viene messa subito in moto positivamente, risparmiando tempo e denaro. Qualcosa di cui il potenziale è tangibile e concreto. Qualcosa che puoi già immaginare e che ti faccia entusiasmare.

Tutto questo non è possibile raggiungerlo facendo le cose alla sanfasò. Se non hai tempo per studiare, seguire i trend o comprendere che cosa puó volere da te la tua fetta di mercato, avrai bisogno di una dose di creatività organizzata!

Cosa vuol dire creatività organizzata